Cracovia


Ecco finalmente un corposo aggiornamento alla ormai leggendaria spedizione del Novembre 2005 fatta dall'Arch.Bellafava, dall'Ing.Pompadour e dall'immancabile geometra Calboni, i quali, nel corso di una memorabile cinque giorni nell'ubertuosa terra polacca (aka operazione 'Ewa Sonnet', dal nome della popputa polacca che metà Redazione ha scelto come fidanzata ideale), visitarono, timbrarono e recensirono la bellezza di otto bordelli in quel di Cracovia.


Grazie alle indicazioni puntuali e verificate di nuovi 'membri' della nostra Redazione ed al blitz settembrino dell'immarcescibile Calboni, siamo finalmente in grado di aggiornare il report il report su questa importante destinazione.
Di seguito trovate il frutto delle nostre 'fatiche'... buona lettura, naturalmente.

I TROMBODROMI DI CRACOVIA

1) Villa Incognito: (ulica Olimpijska, 23)
E' forse il club più lussuoso di Cracovia, molto pulito, ben curato, con jacuzzi e altre comodità, oltre che con Gnocche di gran livello. Naturalmente è anche il più caro, con tariffe quasi-europee (si va adesso dai 150 ai 200 e addirittura 250 neuri all'ora, per una prestazione standard, con sintonizzazione fine Rai1).

Le Gnocche sono metà locali e metà bielorusse, russe o ucraine, tutte molto cortesi e professionali. Occhio a non farsi ammaliare troppo e concedere quegli inutili striptease 'privati', che fanno lievitare la bolletta della Gnocca e basta. Ma forse stiamo sprecando fiato per cose lapalissiane: il lettore di Gnocca Travels sa quando deve andare al grano...
Il nostro consiglio è di andare molto presto di sera, quando si trovano anche polacchine semi-pro che fanno il classico secondo lavoro per arrotondare: sono i bocconcini più prelibati ed è impagabile trovarle il giorno dopo a lavorare come commesse in qualche negozietto del centro.
Aperto tutti i giorni fino alle tre, domenica chiuso.
Pare sia infine risolto il problema relativo ai permessi che aveva causato la temporanea chiusura del Villa Incognito poco prima dell'estate (e per fortuna....).


2) Pussycat: (ulica Otwinowskiego 6):
E' il tipico bordello simil-epoca, con la matrona che vi fa sedere, fa clap-clap con le manone ed ecco che spuntano fuori le Gnocche che vengono a sfilare per farsi scegliere. Ci sono sempre una dozzina di Gnocche, di nazionalità varie ex-cortina di ferro, di livello medio discreto e con discreta vocazione al mestiere... ma purtroppo le due/tre più carine sono sempre occupate, bisogna avere fortuna, anche.

Costo una frazione rispetto al Villa Incognito: 200 zloty (50 baiocchi circa) che la matrona in persona (o il suo figliolo...) riscuote. Ricordatevi sempre di allungare un 30/50 zlotyni alla Gnocca prima di andare in camera per la partita di scopone scientifico: non solo è prassi, ma la prestazione ne beneficia assai.
Aperto praticamente 24 ore su 24.

Diversi nostri lettori quest'estate ci hanno segnalato un decadimento qualitativo e quantitativo sostanziale rispetto a quanto da noi rilevato nella nostra trasferta di gruppo sul Pussycat: poca Gnocca e tutt'altro che di livello. C'è da dire che andare in alta stagione non aiuta (anche le Gnocche fanno ferie...), ma lo stesso riportiamo i pareri ricevuti, essendo anche belli freschi. Secondo l'autorevole parere del Calboni, che invece si è recato in una stagione forse più favorevole, il livello medio si attesta sulla sufficienza (ma che sia di bocca buona il nostro Geometra?).
Ai posteri l'ardua sentenza....



3) Rocco: (ul. Michalowskiego)
Rocco invades Poland è probabilmente uno dei lungometraggi più riusciti del Siffredone nazionale.
Rocco è anche uno dei locali più interessanti di Cracovia, da quel che abbiamo potuto vedere. Club molto elegante e stanze ben tenute.
Sulla qualità della Gnocca, c'è il curioso fenomeno del venerdi sera: non chiedeteci il perchè ma in quel giorno si trova una quantità notevole di Gnocca, tutta fresca, senza le vecchie matrone sciatte che si trovano in altri giorni della settimana... evidentemente è il giorno delle semi-pro. La cosa spiega anche il numero di pareri discordanti che abbiamo ricevuto. Quindi, sebbene non ci sia garanzia che le cose non cambino, se ci andate, andateci il venerdi (e se ci sono cessi, girate i tacchi... mica vi obblighiamo a trombare noi!!! :-)

La fascia di prezzo è quella del Pussycat (200 zlotyni per un'oretta di sollazzo standard), anche qua con mancettina per motivare la pregiata manovalenza del locale.
Sicuramente da visitare in una trasfertina a Cracovia.


4) Black & White: (ul. Westerplatte 2)
Finora abbiamo parlato dei locali più prestigiosi. E' quindi ora di tuffarci nell'hard discount di Cracovia, che offre parecchio a questo proposito. Il Black & White è uno scantinato nella città vecchia, dove ci sono un 5/6 biondine e un tizio che si offrono di farvi massaggi completi. Si proprio così, occhio al deretano che ci passano anche i gay da queste parti. Comunque le Gnocche sono più che passabili e le tariffe assolutamente popolari: 120 zlotyni per un'ora, 80 per la mezz'ora. Visto che l'ambiente è non propriamente piacevole (stanzette piccoline, pulizia migliorabile), la mezz'ora - ricordiamo: equivalente a soli 20 neuri - forse è l'opzione migliore.
Occhio che il locale chiude prestissimo: alle dieci di sera. Il buontempone del Pompadour l'ha ribattezzato 'il nostro albergo diurno' :-)


5) Nana: (ul. Kalwaryjska 60 - Podgorze)
E' stata forse l'esperienza peggiore a Cracovia, nella nostra prima trasferta: un locale semibuio, con musica di dieci anni fa sullo sfondo e qualche madre di famiglia a sbarcare il lunario col mestiere più antico del mondo. L'unica passabile era una ucraina che ci ha chiesto un obolo di 120 zloty per un'ora. Eravamo solo io ed il Pompadour (il Calboni quella sera era occupato, come meglio diremo più avanti) ed allora abbiamo decido di dividere fraternalmente la marchetta. Della serie: andare in un bordello insieme cementa l'amicizia.
C'è da dire che però la Gnocca faceva di tutto e di più ed alla fine non è stata nemmeno così tragica.
Aperto fino alle sei del mattino, giusto per dovere di cronaca.


6) Lala-Mido: (ul. Katarzyny 4)
Questa invece è stata una bella sorpresa, non era nella nostra lista della spesa, l'abbiamo trovato praticamente per caso ed alla fine ne siamo usciti contenti come delle pasque.
All'epoca della nostra prima visita novembrina, operavano un 5/6 Gnocche polacche e bielorusse, tutte piuttosto bellocce e molto generose. A fronte di un contributo di sponsorizzazione di 120 cazzilli polacchi (ricordiamo: 30 neuri) per la mezz'ora e di 200 per l'ora, sono garantite prestazioni di estremo spessore, con sintonia Rai2 e molte altre belle cosette.
Nel blitz appena fatto dal Calboni, invece, quat'ultimo ha registrato 5 Gnocche, di cui 2 tettone, ma livello medio bassino...anche qui peggioramento sostanziale, dunque.
Aperto fino alle cinque del mattino, per dovere di cronaca.


7) A-Studio: (ul. Semperitowcow 17)
Veniamo ora all'unica tra le agencje towarzyskie testata (trattasi in pratica di agenzie di Gnocche... ma non pensate alle agenzie di escort, che i prezzi sono decisamente inferiori...). E' una modalità organizzativa molto diffusa a Cracovia, come vedrete se prendete in mano un qualsiasi giornaletto di annunci.
Abbiamo chiamato dall'albergo e ci è stato risposto che era disponibile solo una brunetta: ci è stato recapitato in albergo una Gnocca stangona con faccia da topolino e discreto fisichetto. Per farsi ripassare ben bene dal sottoscritto, il pattuito è stato di appena 100 zlotyni per il trattamento base e di 50 per sintonizzazione Rai2, tramite analogico ovviamente.


8) Zosia (ul. Pilotów 91)
Prima di stroncare senza appello questo locale, premettiamo che ci siamo andati di tarda notte, quando probabilmente le Gnocche migliori ormai avevano già 'dato'. Entriamo a falange in tre, io, il Calboni e il Pompadour e manco a farlo apposta ci troviamo dentro tre grassone. Io e il Pompadour ci avventiamo sulle due meno debordanti lasciando al Calboni la più grassa: ed ecco come da quel giorno il Calboni si scoprì anche campione di sumo.
Obolo elargito: 120 cazzilli polacchi (30 neuri) per una quarantina di minuti di lotta greco-romana.
Aperto fino alle sei della mattina.

9) Night club Zaprasza (ul. Zolkiewskiego, 30)
New entry: club situato in zona abbastanza centrale, consigliato da un tassista, che ci ha portati qui alla modica spesa di quattro neuri.
Presenti all'appello circa una decina di Gnocche: rates attorno ai 50€ per un’ora per prestazione standard comprensiva di sola sintonizzazione di Rai1 International, più una o due decine di euro per eventuali extra.
Livello medio della Gnocca abbastanza buono, ma scarsa partecipatività.


10) Casablanca (ul. Krolowej Jadwigi 143a)
New entry: locale che ultimamente va per la migliore: qualsiasi tassista ve lo indica come il miglior bordellino attuale.
Ma la Gnocca purtroppo come livello medio non è certamente della migliore qualità, a parte qualche giovinetta Polacca di 18-20 anni tra l'altro sintonizzabile anche su Rai Due. Prezzi intorno ai 70-80 euri ma da contrattare duramente, altrimenti tendono a sparare. Evitate consumazioni al bar, equivale ad una estrazione molare, e non fate troppo i brillanti con i Polacchi: ci sono sempre frotte di energumeni solitamente operai, che vanno a lì a rilassarsi e sono sempre pronti a legnare. Posto comunque al di sotto delle aspettative.


Altri centri segnalati dai nostri lettori:
- Salon Masaje: si trova verso la fine di via Warszawska, la traversa situata di fronte al Barbacane, l'entrata alla città vecchia. Pannello rosso ben visibile, situato a metà edificio, col vantaggio che essendo sito in un grande palazzo, per i più pudici è garantito la più totale invisibilità, a differenza ad esempio dei club sulla Westerplatte che hanno l'accesso diretto sulla strada.
Prezzi abbastanza competitivi, 150 zloty (circa 43 euro), per un'ora, livello medio Gnocca appena sufficiente, stanze piccole, ma comunque pulite e ben curate.


ALTRE RISORSE
A parte i club, che sono numerosi, Cracovia offre sostanzialmente due alternative per chi va a caccia di Gnocca tanta-subito-e pagando:
Stradali: c'è un nugolo di stradali attive in zona stazione dei treni. Quando ci siamo stati noi forse non era molto stagione e con ogni probabilità d'estate il contingente di stradali è più numeroso. Operano in mezzo al più totale disinteresse della polizia e chiedono l'equivalente di una ventina di neuri per approfondire la conoscenza in albergo.
Agenzie (agencje towarzyskie): come dicevamo, è una alternativa molto diffusa, dal momento che diversi periodici di Cracovia sono tappezzati dagli annunci di dette agenzie. Spesso ai numeri rispondono in inglese comprensibile e se la Gnocca che vi recapitano a domicilio non vi garba, nessun compenso è dovuto.
E' chiaramente un terno al lotto, visto che scegliere da una foto, come ben sa il lettore di Gnocca Travels, è un'azzardo per definizione, ma è risaputo che alcune tra le Gnocche migliori, semi-pro, operano in queste agenzie e non stanziali in qualche club.

Infine, dritta dell'amico Fungo Porcino e utile per la Polonia in generale: c'è un sito di Gnocche che ricevono in appartamenti privati (http://www.odloty.pl), molto positivo, ci sono delle discrete Gnocche al modico costo di 30 / 50 neuri, spesso con gli speciali inclusi...


PER I MALEDUCATI CHE NON VOGLIONO PAGARE LA GNOCCA
La receptionist del nostro alberghetto ci aveva dato alcuni nomi di discoteche da visitare: il Frantic (e anche il Gorasha che è attaccato), il Music Bar 9 ed il Fusion, tutte in centro storico e pieni di Gnocche, soprattutto l'ultima.









Le impressioni che abbiamo ricavato sulle Gnocche di Cracovia in questi posti: belle le Gnocche polacche, in media, discreta presenza di poppute (in contrasto col piattume imperante oltre Oder), simpatiche (sorridono sempre, niente grugni e musi lunghi fino al marciapiede come a Milano ed altre città italiane), bevono come marinai e slinguano come idrovore non appena superano il terzo bicchiere (cioè quasi subito se offrite voi).
Occhio però a fare troppo gli splendidi con le tipe accompagnate, i polacchi legnano abbastanza bene da quello che abbiamo potuto vedere.Nel complesso è comunque difficile andare oltre la slinguata la prima sera.






E' invece andato incredibilmente a segno alla prima con una barista il Calboni, cui va lo sportivo plauso della redazione tutta.

Più in dettaglio:
- il Frantic: ottimo il Giovedì e Venerdi sera. Soprattutto nella pista centrale (dov'è il bar, che tra l’altro la roba la vende per un misero euro) vi si trovano gruppuscoli di gnocchette Polacche ventenni molto agitate e facilmente abbordabili.
- il Music Bar 9: situato sulla stessa via del Frantic, semi all'aperto e con piste sotteranee. Raccomandabile il Sabato, perchè è denso di Gnoccone, le solitamente più incline alla zoccolaggine in quell'area. Ma vi è anche tanta figa snob, quindi è da veri professionisti...

Da segnalare anche il Rotunda (ul. Oleandry 1), club / centro culturale frequentatissimo da universitarie (quindi da andarci da settembre fino a fine anno accademico), alcune delle quali di qualità pari a quelle di un night italiano, dunque medio-alta. Possibilità di slinguamento assolutamente pari a quelle che ha un trentenne in Italia in un night con una polacca.... cioè molto elevate, con la differenza che non si paga una beata fava.
Per chi si muove bene nei club studenteschi, è un must a Cracovia.



DOVE ALLOGGIARE
Noi abbiamo alloggiato all'hotel Chopin, che non ci sentiamo di consigliare nè di sconsigliare.
Ad ogni modo, cliccando qui trovate come di consueto la lista completa di hotel di Cracovia.
Nuove offerte di Hotel anche a questo link.


GIUDIZIO COMPLESSIVO
Tirando le somme, Cracovia ci ha lasciato l'impressione di essere una sorta di 'piccola Praga': stupendo il centro storico (da vedere soprattutto la piazza del mercato, dove, tra bellissimi palazzi svetta la chiesa di Santa Maria), bei musei (avreste dovuto vedere com'eravamo emozionati al Museo Czartoryski, dove c'è la famosa Dama dell'Ermellino, Cecilia Gallerani, l'amante di Ludovico il Moro: non è cosa di tutti i giorni avere uno chaperon come il Pompadour, che sa di arte oltre che di bordelli!), notevoli anche le Gnocche che si vedono al pascolo, proprio sane queste polaccone....









Non male anche i clubs, magari di un livello medio di Gnocca leggermente più basso rispetto a Praga, ma anche con prezzi molto, ma molto più contenuti.
Offerta di Gnocca piuttosto vasta, con almeno una cinquantina di clubs / privats in città tra cui scegliere.

Per quanto possa essere stata poco significativa la nostra esperienza (tenete presente che siamo andati anche in bassissima stagione), abbiamo ricavato l'opinione che gli italiani non siano ancora del tutto e irrimediabilmente sputtanati a Cracovia (mancherà poco, sicuramente..).



Altra buona ragione (oltre ai bordelli meno munti e i prezzi più bassi...) per evitare l'alta stagione: Cracovia, come detto, è una città universitaria, a luglio-agosto si svuota e la parte free ne soffre assai.
Anche vitto e alloggio costavano poco per i nostri standard: l'allineamento a prezzi 'europei' richiederà ancora un poco ed è stata una bella sorpresa.
Da non tralasciare anche il fatto che Cracovia è una antica città universitaria, per cui non è difficile incontrare della bella gioventù.
Nel complesso è stata dunque una bella vacanza, allietata da mille episodi divertenti, primo tra tutti quello del Calboni quando ha tentato il vecchio trucco di chiedere lo sconto nei bordelli mostrando una vecchia tessera del Milan: ha trovato una Gnocca che sapeva tutto di calcio italiano e che l'ha marcato a uomo tutta la serata, spillandogli una cifra...
Non abbiamo trovato cloni di Ewa Sonnet, ma in compenso possiamo dire che quando ci siamo stati, non ne siamo tornati insoddisfatti.

Ad maiora e buona Gnocca a tutti!